Skip to main content
Cosa non fare quando sei da un cliente

Cosa fare e cosa non fare quando si è da un cliente

Mi sembra già di sentirti: “Che articolo inutile, ovvio che so cosa fare quando sono da un cliente”. Sí, sembra un articolo banale ma purtroppo non é cosí: sento racconti di freelance che si presentano alle aziende con fogli volanti, sento di ritardi non annunciati “perché tanto tutti si presentano in ritardo”, sento, anzi vedo, freelance allo sbaraglio. Ragazzi, diamoci una regolata.

Quando mi incontro con una persona, che sia io a proporre un servizio o che sia io la potenziale cliente, la questione è una sola: pretendo di ricevere la massima attenzione.
Non per una questione di egocentrismo, ma per una questione di rispetto ed educazione.

Arrivando al sodo: cosa fare e cosa non fare quando si è da un cliente?

Arrivare troppo in anticipo ad un appuntamento

Arrivare in anticipo

Le persone che arrivano con 15 minuti di anticipo mi danno fastidio. Se ho fissato l’appuntamento per le 10 vuol dire che prima sono impegnata. Perché mi devi scombussolare tutti i piani? Pensi di fare “bella figura”?
Quando sei troppo in anticipo fai una passeggiata o un giro al bar.

Arrivare in ritardo ad un apputamento

Arrivare in ritardo

Anche (e sopratutto) arrivare in ritardo é una forma di maleducazione.
Quando hai un appuntamento parti prima, sulla strada non sai mai cosa potrebbe esserci e se proprio c’è un inghippo telefona con largo anticipo per  AVVERTIRE il tuo attendente.

Trovare punti di interesse comune con i clienti

Il punto di incontro

All’inizio dell’appuntamento investi qualche minuto per i convenevoli: sapere come sta il cliente, fare i complimenti per la sede nuova, parlare di suo figlio o del suo cane é un ottimo modo per rompere il ghiaccio.
E ricorda: innesta nel tuo cliente SOLO EMOZIONI POSITIVE.
Sai perché ti ho detto di parlare del cane o del figlio? Perché quando porti alla mente una sensazione positiva il cervello rilascia delle sostanze che faranno stare bene. Assocerà te ad un ricordo positivo, non male no?

Evitare distrazioni

Durante il colloquio non distrarti

Questo é un punto caldo dell’articolo: il tuo amato smartphone e le sue notifiche.
A me che tu non abbia delle emergenze serie, non tenere lo smartphone sul tavolo perchè distrae e irrita in vostro cliente.
Se è stato fissato un appuntamento della durata di un’ora non vedo perchè il mio interlocutore debba rispondere al telefono più volte, guardare freneticamente il cellulare, rispondere ad e-mail e via dicendo.
L’incontro deve essere “snello”, concentrato e produttivo. Non si puó protrarre per ore senza giungere ad una conclusione.
Freelance: non lamentarti della tua vita col tuo cliente

Le lamentele: evitale

Parla col tuo cliente solo di cose positive, trasmetti benessere e sii piacevole.
Tutti hanno i propri problemi, non assillarli anche con i tuoi. Che il tuo capo sia un incapace, che tua moglie sia un’arpia, che tu non stia passando un buon momento economico non interessa al tuo cliente.
Freelance: lascia sempre un biglietto da visita

Lascia una traccia di te

Porta sempre un portfolio da lasciare o quantomeno un biglietto da visita. Non ti presentare a mani vuote sopratutto se il cliente é nuovo. Avrà modo di visionare i tuoi progetti con calma.
Freelance: non lasciar passare troppo tempo

Non lasciar passare troppo tempo

Batti il chiodo finché é caldo: se devi presentare un analisi, un progetto o un preventivo non lasciar passare troppi giorni.
Sii celere perché alle volte la velocità paga.

Hai altri consigli da suggerire ai tuoi “colleghi” freelance?
Cosa NON fai quando hai un incontro coniò tuo cliente o potenziale?

Scrivilo qui sotto nei commenti!

Maddalena Beltrami

Sono una grafica pubblicitaria dinamica, tenace con una smisurata passione per tutto ciò che è grafica e design. Vado matta per i brainstorming ben riusciti e la schedulazione maniacale del lavoro. Adoro il mio lavoro, non potrei fare altro nella vita. | Visita il mio sito web | Visita la fan page di MentaBalena

3 thoughts on “Cosa fare e cosa non fare quando si è da un cliente

  1. Ciao Maddalena condivido i tuoi consigli e magari aggiungerei armiamoci di un bel sorriso e presentiamoci con un abbigliamento adeguato all’incontro. L’abito non fa il monaco ma la prima impressione è quella che conta 😉 Ciao e complimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CREA UN PREVENTIVO PEFETTO!

Inserisci la tua email e  scarica GRATIS il report "Come creare un preventivo persuasivo vincente".

Grazie per esserti iscritto. Controlla la tua e-mail