Skip to main content
Quali dati mettere su un biglietto da visita

Freelance: e il tuo biglietto da visita com'è?

Ho visto cose che voi umani non potete neanche immaginare.
Facciamo un passo indietro: quando partecipo ad eventi di networking o corsi di formazione uno dei miei obiettivi è quello di “sbigliettare” e conoscere nuove persone, interessarmi alla loro attività, capire se posso essere utile per loro.

Quando ricevo i biglietti da visita, giuro, rabbrividisco. C’è chi me li presenta STAMPATI E TAGLIATI CON LE FORBICI IN CASA vantandosi di averli prodotti internamente, c’è chi per rinforzarli gli dà qualche giro con lo scotch, poi c’è chi si dimentica particolari salienti come il numero di telefono. (No, non è una strategia. E’ un abominio.)

Poi ci sono i peggiori, quelli che hanno due attività diverse e sfruttano lo stesso biglietto da visita. No, non si fa!
E per l’amor del cielo, ancora peggio chi usa l’e-mail di hotmail delle superiori tipo crocchetta99 oppure tatinaminny123.
L’e-mail è un pò lo specchio della vostra professionalità: chi vi prenderà sul serio con un indirizzo colmo di epiteti da scuola media?

Ricapitolando, ecco le cose che devono essere presenti sui tuoi biglietti da visita:

– Nome e cognome
Sì, perchè quando torno a casa con diversi biglietti da visita non sempre mi posso ricordare i nomi di tutti. Inserisci sempre il tuo nome, così quando telefonerò saprò di chi chiedere 🙂

– Mansione
Sì, anche questo è importante. Anche se sei freelance per me è importante capire di cosa ti occupi. Ad esempio Nome Cognome – Copywriter sarà perfetto.

– Numero di telefono ed e-mail
E che te lo dico a fare? Se lasci un biglietto da visita è perchè vuoi essere ricontattato, no?

– Indirizzo
Capisco anche il povero freelance che lavora da casa il quale non vuole trovarsi clienti sull’uscio di casa. E’ una di quelle cose che potresti omettere. Io l’ho inserito lo stesso per praticità.

– Il sito
Sembra banale, ma alcuni (pazzi) non lo inseriscono. O perchè non cel’hanno (fatelo!) oppure per motivi a me sconosciuti.

– Numero della P.IVA
Per legge non è obbigatoria, sul biglietto intendo. Io l’ho inserita, perchè quando vado in un negozio e mi serve la fattura posso lasciare il bigliettino con tutti i miei dati.

– Che cosa fai
Sarebbe una buona pratica insiere di che cosa ti occupi. Sono sufficienti poche righe: grafico e videomaker, fotografo e art director, copywriter e ghostwriter e così via. Sì, lo so che hai già inserito la mansione, devi trovare l’equilibrio giusto che fa per te.

LA REVISIONE
E’ molto importante mostrare la bozza del biglietto a più persone possibili in modo da controllare errori di ortografia o di battitura.

Detto ciò, prendi il tuo biglietto da visita e fai una checklist. C’è tutto? Manca qualcosa?
Come sempre, dimmi le tue impressioni… le vorrei leggere proprio qui sotto 😉

Maddalena Beltrami

Sono una grafica pubblicitaria dinamica, tenace con una smisurata passione per tutto ciò che è grafica e design. Vado matta per i brainstorming ben riusciti e la schedulazione maniacale del lavoro. Adoro il mio lavoro, non potrei fare altro nella vita. | Visita il mio sito web | Visita la fan page di MentaBalena

2 thoughts on “Freelance: e il tuo biglietto da visita com'è?

  1. Ciao @eugeniocorrao:disqus, abbiamo preso un’immagine dal web per inserirla in questo articolo ed effettivamente c’è una certa somiglianza 😉 Continua a seguirci e soprattutto a commentarci, lo apprezziamo davvero 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CREA UN PREVENTIVO PEFETTO!

Inserisci la tua email e  scarica GRATIS il report "Come creare un preventivo persuasivo vincente".

Grazie per esserti iscritto. Controlla la tua e-mail