Il codice morale del progettista grafico

Una volta lessi sul sito dell’Aiap un testo chiamato “Codice modello di condotta professionale per progettisti “ e ne rimasi affascinato. Penso che ognuno debba avere un suo codice, delle regole cui attenersi durante lo svolgimento del proprio lavoro. Leggilo e fammi sapere nei commenti se ti rappresenta. Io mi rivedo in quasi tutti i punti e tu?

Obiettivo del Codice

L’obiettivo è quello di gettare le fondamenta internazionali per una serie di standard etici relativi alle pratiche del design, che siano acettati da tutte le associazioni appartenenti a Icograda, Icsid e IFI.

La responsabilità del designer

Verso la comunità

  • Il designer accetta il dovere professionale di migliorare gli standard sociali ed estetici della comunità.
  • Il designer accetta la responsabilità professionale di agire nel miglior interesse dell’ecologia e dell’ambiente.
  • Il designer agirà in modo pertinente all’onore e alla dignità della sua professione.
  • Il designer non assumerà volontariamente posizioni in cui i propri interessi personali siano in conflitto col dovere professionale.

Verso il cliente

  • Il designer agirà nel miglior interesse del proprio cliente, all’interno dei limiti consentiti dal proprio dovere professionale.
  • Il designer non lavorerà contemporaneamente su progetti che siano in diretta competizione tra loro senza informarne i clienti o i datori di lavoro, a meno che non sia obbligatorio per il designer lavorare contemporaneamente per due o più clienti in competizione tra loro.
  • Il designer tratterà ogni conoscenza delle intenzioni, dei metodi di produzione e delle strutture organizzative del cliente come informazione confidenziale, e non divulgherà tali informazioni in nessuna occasione, a meno che abbia ottenuto il consenso del cliente. È responsabilità del designer assicurarsi che tutti i membri del suo staff siano egualmente vincolati dagli stessi principi di riservatezza.

Verso altri designers

  • Il designer non tenterà, direttamente o indirettamente, di soppiantare la posizione professionale di altri designers, nè competerà con altri designers tramite volontaria riduzione della propria remunerazione o altri metodi sleali.
  • Il designer non accetterà consapevolmente progetti professionali sui quali abbia lavorato un altro designer senza informarne quest’ulimo.
  • Il designer sarà leale nelle proprie critiche e non denigrerà il lavoro nè la reputazione di un altro designer.
  • Il designer non accetterà istruzioni da un cliente che prevedano un plagio, nè agirà in modo tale da favorire consapevolmente un plagio.

La remunerazione del designer

  • Il designer non accetterà di lavorare per un cliente senza che gli venga corrisposta un’adeguata remunerazione. Il designer potrà tuttavia intraprendere progetti senza remunerazione, o con remunerazioni ridotte, nel caso che il cliente sia un’organizzazione di natura benefica o non-profit.
  • Nell’accettare un progetto il designer descriverà al cliente in modo esatto e completo le basi su cui viene calcolata la propria richiesta di remunerazione.
  • Il designer che sia finanziariamente coinvolto in una società, compagnia o azienda che possa beneficiare di sue raccomandazioni durante lo svolgimento di un lavoro,  informerà in precedenza il cliente o datore di lavoro della propria situazione.
  • Il designer a cui venga chiesto consiglio per selezionare un altro designer non accetterà alcun pagamento dal designer raccomandato.

 Concorsi

Si consiglia ai designers di non partecipare a concorsi aperti o internazionali che non siano organizzati in concordanza con i regolamenti stabiliti da Icograda, Icsid e IFI.

 Pubblicità

  • Ogni materiale pubblicitario deve contenere soltanto dichiarazioni veritiere. Deve inoltre risultare leale nei confronti dei clienti e degli altri designers, ed attenersi alla dignità della professione.
  • Il designer può consentire al cliente di usare il proprio nome ai fini di promuovere articoli da lui/lei progettati, o servizi da lui/lei forniti, ma soltanto in modo da attenersi alla dignità della professione.
  • Il designer non permetterà che il proprio nome sia associato con un progetto alterato dal cliente a tal punto da non rispecchiare più il proprio lavoro originale.

Se pensi che ogni designer debba seguire questo codice che aspetti a condividerlo? 😉 Ci conto!

Condividi questo articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *