Far cambiare idea al cliente

Quando il cliente si fissa su una grafica orrenda

Che tu sia freelance o dipendente poco importa: ce la metti tutta per creare una grafica stupenda che ti piace da impazzire e sei così orgoglioso!
Così ti presenti dal tuo cliente vestito di tuttopunto, con il tuo mac book sotto il braccio. Sei già sicuro di averlo conquistato: sei sicuro che ti darà una vigorosa pacca sulla spalla, un bel “Complimenti, è proprio quello che volevo” e magari speri in un bonus di 50€ in più in fattura.

Poi gli mostri il file. La sua faccia parla da sola. Inclina leggermente la testa di lato e comincia: “Sì, ehm. Va bene.” (palla di rovi che rotola per la stanza) “Ma potremmo aggiungere…”

Ecco. “Potremmo aggiungere”. Ci siamo. E comincia con la sfilza. Tu gli dici che il rosso su blu elettrico non si legge, che il Comic Sans non si usa, che la semplicità è alla base della grafica ma lui niente, non ascolta. E tu lo assecondi perchè è il cliente. E quella bellissima grafica che hai creato, da uno spendido unicorno bianco alato si trasforma in un cammello con tre gobbe e la testa da Hidra! E sai qual è il colmo? Che alla fine non piacerà neanche al tuo cliente!

Bene, sono sicura che ti sei riconosciuto in questo cliche e sai cosa c’è? E’ ora di finirla! Ho sempre pensato che il cliente vada educato: lui non è un esperto di grafica, si basa sul suo (scarso) background personale. E’ normale ed è giusto così e sai cosa devi fare? EDUCARE il suo background: mostragli altri esempi di grafiche. Online se ne trovano tantissime, Behance, Pinterest, Dribble e chi più ne ha più ne metta!
Sicuramente c’è qualcosa che fa al caso tuo.

Se sei stato bravo e sei riuscito a stuzzicarlo forse si renderà conto della differenza tra il cammello a tre gobbe (sgonfie) e una grafica pulita e ordinata.

Io ho provato questa tecnica e devo dire che ho quasi sempre riscosso un discreto successo.
Nella maggior parte dei casi il cliente si accorge che quello che proponi tu è più equilibrato, armonioso… bello.

Se proprio il cliente è convinto della sua (schifezza) grafica almeno tu ci hai provato.
Ti è mai successo un episodio del genere? Faccelo sapere qui nei commenti!

Condividi questo articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *